Pillole di Benessere per i tuoi amici a 4 zampe

Progetto in collaborazione con il Dipartimento di Medicina Animale, Produzioni e Salute dell’Università degli Studi di Padova.

A cura della dott.ssa Rebecca Ricci

L'ESATATE PER CANI E GATTI: I CONSIGLI SU COME AFFRONTARLA AL MEGLIO

Anche per i nostri cani e gatti è arrivata l’estate e per affrontare serenamente la stagione calda assieme a loro è necessario attuare i dovuti accorgimenti per non correre rischi legati al clima torrido. Vediamo insieme quali strategie adottare per preservarli dalle conseguenze delle alte temperature estive.

  • Acqua: lasciare sempre a disposizione una ciotola con acqua fresca e pulita. Quando la ciotola è tenuta fuori casa è consigliabile avere premura di liberarla da eventuali foglie, terra o insetti che potrebbero limitare l’accesso all’acqua da parte dell’animale. Se il cane o il gatto frequenta più ambienti, è opportuno procurarsi più ciotole e disporle in diversi punti. Quando si va in passeggiata o si parte per un viaggio, è bene portare con sé anche l'acqua e una ciotola per far bere l’animale qualora fosse necessario. Per rinfrescare il nostro amico a quattro zampe possiamo bagnargli delicatamente la testa e la schiena con un po’ di acqua (non troppo fredda!) o farlo giocare con getti d'acqua in giardino o presso qualche fontanella.
  • Attività fisica: evitare di portare il cane in passeggiata o di far uscire il gatto nelle ore centrali che sono le più calde della giornata. Ciò vale non solo per la temperatura dell’aria, ma anche per quella del suolo: le zone ricoperte di cemento o asfalto riflettono il calore e possono diventare roventi, con il rischio di ustionare i polpastrelli; è più appropriato preferire, invece, le ore più fresche del mattino o della sera. In ogni caso, se il cane non ha voglia di uscire, non bisogna obbligarlo a muoversi ad ogni costo perché la sua percezione del caldo potrebbe essere superiore alla nostra.
  • Disponibilità di ombra: se il cane vive in giardino o all'aperto, assicuriamoci che disponga sempre di una zona all’ombra in cui poter riposare, come ad esempio sotto le fronde degli alberi o sotto una tettoia. Nelle giornate più torride è comunque consigliabile tenere cani e gatti in casa.
  • Colpo di calore: è ciò che avviene se l’animale si trova in un ambiente chiuso e troppo caldo perché non riesce più a disperdere il proprio calore corporeo e la crisi termica che ne consegue può portare allo shock. È assolutamente vietato tenere quindi il nostro animale chiuso in macchina, nemmeno se i finestrini sono aperti, per non rischiare un colpo di calore che possa essergli fatale.
  • Pelo: contrariamente a quanto si possa credere, tosare cani e gatti con pelo lungo e folto è inutile o addirittura controproducente. Il pelo funge da isolante termico, per cui protegge gli animali anche dal calore e una tosatura inappropriata potrebbe andare a scoprire alcune zone cutanee che andrebbero incontro a scottature (la pelle del cane e del gatto non è infatti abituata a ricevere il sole diretto!). Se sono presenti zone in cui il pelo è più rado, e che quindi possono incorrere in scottature se esposte al sole, sarà bene proteggerle con una crema solare, proprio come nell’uomo.
  • Alimentazione: la scelta migliore è sempre un alimento di elevata qualità, nutriente e digeribile per non appesantire l’apparato digerente dell’animale. I mangimi completi umidi come bocconcini e paté sono particolarmente indicati perché stimolano l'appetito e idratano l'animale.
  • Parassiti e insetti: i parassiti come pulci e zecche abbondano nella stagione calda quindi è consigliabile controllare regolarmente il pelo del cane e del gatto ed utilizzare antiparassitari per prevenire le infestazioni: il Medico Veterinario saprà consigliare i prodotti più adeguati. Le punture di insetto sono fastidiose perché causano prurito e bruciore, ma anche perché potrebbero trasmettere malattie e per questo motivo il Medico Veterinario potrebbe consigliare anche l’impiego di repellenti.

Rebecca Ricci, Medico Veterinario Nutrizionista, PhD

European Specialist in Veterinary and Comparative Nutrition

Dipartimento di Medicina Animale Produzioni e Salute

Università degli Studi di Padova

e-mail: rebecca.ricci@unipd.it